Contatti

Emme Esse S.p.A

Via Moretto 46, 25025 Manerbio (BS)

Tel. 0309938500, mail: info@emmeesse.it

Dove siamo:

Annunci

27 pensieri su “Contatti

  1. Marco Calcagno

    Buongiorno
    vi scrivo per sapere se tra i vostri prodotti ne esiste uno (e se si, eventuali rivenditori su Genova)che può risolvermi il seguente problema.
    Ho, in casa mia, 2 prese tv, 1 in camera (che non utilizzo), dalla quale parte anche un cavo che porta alla presa del salotto. Purtroppo ho constatato che il cavo tv che va al salotto è interrotto, e non sostituibile, in quanto la guaina è probabilmente strozzata o comunque danneggiata. Siccome non ho intenzione di fare una nuova traccia nel muro per posare nuovi guaina e cavo, vorrei sapere se esiste un ripetitore di segnali tv da PRESA a tv remoto, in modo da risolvere il problema. Ripeto, la presa funzionante NON ha tv collegato né mai lo avrà.

    Ringrazio anticipatamente per la cortese assistenza.

    Marco Calcagno

    Rispondi
    1. emmeesseblog Autore articolo

      Buongiorno Marco,
      se non ha intenzione di mettere mano ai cavi e all’impianto, la soluzione più facile è quella di posizionare un decoder digitale terrestre (es. 80914) in camera dove ha la presa funzionante. L’estensione del segnale verso il salotto la può poi ottenere mediante estensori audio video tradizionali o estensori HDMI in base al tipo di connessione e di TV di cui dispone. Per gli estensori HDMI può consultare un nostro precedente articolo sul blog, in cui sono descritte le soluzioni disponibili. In alternativa può utilizzare l’AV sender 87175 (a 2,4 GHz) o 87177 ( a 5,8 GHz) già dotati di estensore di telecomando.

      Disponiamo poi anche di antenne da posizionare sul balconi o genericamente all’esterno (es.380L), ma in tal caso deve inevitabilmente tirare un cavo all’interno. In ogni caso se interessato, possiamo fornirle maggiori dettagli al riguardo. In alternativa può provare la soluzione con l’antenna da interno (es.371L).

      Grazie per il suo commento
      Cordiali Saluti
      Lo staff di Emme Esse

      Rispondi
  2. Luca

    Salve,potreste pubblicare degli articoli tecnici sulla progettazione di impianti tv sat tramite l’ausilio del misuratore di campo?in particolare misure da effettuare per sopraluoghi,interpretazione dei risulati,misure di ber,mer,costellazione ed echi con relative contromisure etc…insomma qualcosa di tecnico.Grazie

    Rispondi
    1. emmeesseblog Autore articolo

      Buongiorno,
      grazie per il suggerimento…vedremo di pianificare qualcosa al riguardo non appena possibile. In ogni caso, per darle qualcosa di immediato, la invitiamo a scaricare la nostra guida tecnica che contiene una sezione in cui vengono spiegati i parametri che lei cita e vengono dati suggerimenti utili in fase di realizzazione di un impianto TV-SAT; la guida tecnica contiene anche indicazioni utili per utilizzare al meglio i nostri prodotti. Per scaricare la nostra guida tecnica si deve registrare in qualità di installatore all’area riservata sul nostro sito internet:
      http://www.emmeesse.it/it/area_riservata.asp
      Grazie,
      Cordiali Saluti

      Rispondi
  3. Alberto

    Salve,anche io sare interessato ad articoli che trattano la progettazione di impianti tv dtt/sat tramite il misuratore di campo.In particolare vorrei articoli che insegnano a progettare impianti a partire dalle misure iniziali fino a controlalre le specifica alla presa tv.Come interpretare il ber,mer ,C/N,echi etc e come controllarli meglio al fine di rendere migliore l’impianto.Purtroppo non esistono più pubblicazioni tecniche e teoriche sull’argomento e molte case editrici hanno chiuso.Grazie

    Rispondi
    1. emmeesseblog Autore articolo

      Come suggerivamo nel precedente commento, scarichi la nostra guida tecnica e vedrà che troverà tante info utili al riguardo..
      Non appena possibile comunque tratteremo anche questo argomento.

      Grazie.. e continuate a seguirci!
      A presto..

      Rispondi
  4. Marco

    Salve,innanzitutto grazie per il vostro blog in cui vi sono articoli tecnici e notizie.Vorrei sapere riguardo l’ampificatore da palo 83516AG dotato di AGC quale è il principio di funzionamento dato che non ho trovato nulla sul vostro catalogo a tal riguardo,nemmeno uno schema di principio..In particolare come fa a controllare in tempo reale tutti i vari canali presenti in dtt ?E’ presente un particolare circuito che esplora uno per uno tutti canali televisivi e ne rileva la potenza ed in qualche modo equalizza i vari segnali?(se facesse una cosa simile occorrerebbe un circuito munito di processore DSP piùtosto complesso).Tra le altre cose il livello di uscita per un determinato segnale dipende anche dagli altri segnali presenti.Oppure è un AGC su un determinato canale che viene controllato ed in caso di segnale”forte” viene ridotta l’amplificazione?ovviamente riducendo l’amplificazione verranno attenuati anche tutti gli altri segnali in banda.Datemi qualche illuminazione con un vostro schema di principio e funzionamento.Ah dimenticavo anche io sono interessato molto ad articoli tecnici educativi sulla proggettazione,dimensionamento e misure su impianti tv sat..Grazie.Saluti
    Marco

    Rispondi
    1. emmeesseblog Autore articolo

      Buongiorno Marco,
      grazie per il suo commento e per l’attenzione verso i nostri prodotti.
      Per quanto riguarda l’83516AG non ha trovato nulla sul nostro catalogo 151 poiché si tratta di un prodotto abbastanza nuovo che è stato inserito dopo la pubblicazione del catalogo. In ogni caso esso funziona tramite controllo automatico di guadagno non su singolo canale ma effettuando un’analisi sull’intera banda.
      Maggiori informazioni al riguardo saranno contenuto sul prossimo numero di Eurosat di agosto, nella “Soluzione del Mese”, che vi invitiamo a leggere.

      Qualora avrà ancora bisogno di chiarimenti, restiamo comunque a disposizione.

      Cordiali Saluti

      Rispondi
  5. Marco

    Ho letto l’articolo su Eurosat riguardo l’83516AG ma purtroppo non è spiegato il principio di funzionamento.Come fa ad analizzare tutta la banda?Vengono scansionati canale per canale ,misurato il relativo livello di potenza e confrontato con un certo valore di potenza e a seconda che lo si superi o meno viene ridotto il gudagno di quel singolo canale?Potreste pubblicare uno schema di principio (schema a blocchi) del funzionamento di questo amplificatore?Sono curioso di conoscere il funionamento in maniera poiù dettagliata.Grazie

    Rispondi
  6. Marco

    Quindi significa che c’è un filtro che misura la potenza media sull’intera banda uhf (o vhf) e poi in base al livello misurato aumenta o riduce il guadagno dell’amplificatore su tutta l’intera banda..giusto?quindi ci potrebbe essere l’incoveniente che se la potenza media complessiva superasse un certo valore allora il guadagno sarebbe ridotto e tutti i canali che arriverebbero con una potenza minima sarebbero attenuati ancor di più e viceversa in caso di potenza media complessiva minore di un certo valore allora alcuni canali potrebbero saturare il decoder.Sarebbe utile se voi pubblicaste un articolo specifico sul controllo automatico di guadagno giusto per chiarire le cose.

    Rispondi
    1. emmeesseblog Autore articolo

      Buongiorno,

      all’interno non c’è nessun filtro che misura la potenza media. Il componente AGC, che funziona solo nella banda UHF, in base al livello del segnale in ingresso cambia il livello del segnale in uscita. Tutti i prodotti con l’AGC hanno come scopo quello di aiutare gli installatori nelle zone dove c’è una variazione del segnale durante le 24 ore giornaliere. Nel caso da lei specificato significa che si ha più della metà della banda ricevuta con una potenza troppo elevata e l’altra parte con segnale basso (in modo che in media si passi la soglia stabilità), ciò significa che c’è un’eccessiva disequalizzazione dello spettro ricevuto e quindi un impianto realizzato non a regola d’arte. Per ampliare la gamma e anche il campo d’utilizzo prossimamente presenteremo anche la versione “White Line” con guadagno di 30dB.

      Come da lei specificato può comunque presentarsi anche il caso quando un solo canale viene attenuato per attenuare tutta la banda. In questo caso il prodotto non è adatto.

      Rispondi
  7. Marco

    Il problema è proprio questo ” in base al livello del segnale in ingresso cambia il livello del segnale in uscita” ed è questo l’AGC ,ma per rilvare il segnale di ingresso sigifica misurare la potenza su di un certo canale quindi in questo ampli come avviene la cosa?viene scansionato canale per canale e misurata la potenza ,oppure vi è un filtro che seleziona tutta la banda uhf e ne viene misurata la potenza(o meglio ne viene ricavata una tensione di controllo che va a controllare il circuito AGC)?

    Rispondi
    1. emmeesseblog Autore articolo

      Salve Marco, come già le avevamo detto l’analisi viene fatta su tutta la banda.
      Non esiste un filtro vero e proprio ma il componente funziona solamente su tutta la banda UHF.

      Cordiali Saluti

      Rispondi
  8. Marco

    A quanto ho capito si tratta semplicemente di un circuito che rileva la tensione di uscita dell’amplificatore ne viene ricavata una tensione di controllo che viene successivamente confrontata con un riferimento ed il tutto va a controllare tramite diodi pin o dual gate mosfet (o IC apposito) il sistema di amplificazione su tutta la banda.Quindi se la potenza sulla intera banda è concentrata in pochi canali ed è tale da superare la soglia impostata allora viene ridotta l’amplificazione globlale che andrà ad agire anche sui canali già deboli…giusto?Non esiste nessuna elaborazione specifica sui singoli canali.

    Rispondi
  9. Marco

    Quindi se ho capito bene in questo caso l’agc non fa altro che rilevare la potenza in uscita dall amplificatore,misurarla ricavarne una tensione di controllo che poi oppurtunamente confrontata con un riferimento va a modificare il gudagno complessivo dell’amplificatore tramite diodi pin ( o dual gate mosfet) ed in definitiva se la potenza sull’intera banda è fornita solo da pochi segnali mentre gli altri sono già deboli..questi ultmi veranno ulteriormente attenuati…è giusto?Grazie

    Rispondi
    1. emmeesseblog Autore articolo

      Si a grandi linee il funzionamento è quello.
      Per maggiore chiarezza comunque ribadiamo che tali prodotti servono in situazioni dove si verifica una forte escursione di livello di tutti i segnali (zone di montagna, zone di mare etc..).
      Grazie per la sua attenzione nei nostri prodotti.
      Buone vacanze
      lo staff di Emme Esse

      Rispondi
  10. Roberto

    Salve,ma quando pubblicherete degli articoli sulla progettazione di impianti dtt con le relative misure da effettuare riguardo potenza segnale,ber,mer echi etc sia prima che dopo per verificare le prestazioni??Grazie

    Rispondi
  11. Giorgio

    Salve, ho un tv samsung in una stanza diversa da dove ho il pc e vorrei vedere sul tv lo streaming del pc. Attualmente ho un cavo di rete che collega il modem (posto dove ho il pc) alla televisione. La mia scheda video ha una uscita HDMI. posso collegare il pc alla tv tramite il cavo di rete collegato con il Vs estensore video?

    Rispondi
    1. emmeesseblog Autore articolo

      Buongiorno,

      può realizzare il suo collegamento tramite l’estensore HDMI via Cat5E (cod. 80354). Bisogna collegare il PC con il trasmettitore tramite un cavo HDMI, poi può utilizzare il cavo di rete già presente (il cavo di rete lo deve usare o come collegamento modem/TV oppure come collegamento Tx/Rx) per collegare il Trasmettitore con il Ricevitore e infine con un altro cavo HDMI collegare il Ricevitore con la TV.

      Lo staff di EmmeEsse

      Rispondi
  12. Claudio

    Per la prima volta ho montato una vostra antenna (Combo 55 M3L), al posto di una simile di altra marca di cui ometto il nome, e nemmeno tanto vecchia,
    con la precedente spesso vi erano disturbi LTE. Dopo aver montato la vostra nessun disturbo, e circa 20 canali in piu’ a parità di banda,
    tra l’altro, a soli 300 metri in linea d’aria e sulla stessa direzione di puntamento, si trova una stazione radio base TIM che “spara” ben 90 dbmV a 862 Mhz,
    l’antenna li attenua con disinvoltura.
    Volevo complimentarmi con voi per la qualità meccanica ed elettrica dei vostri prodotti, le elettroniche le avevo già montate. Avete un cliente in piu’.
    W il made in Italy !

    Rispondi
  13. Vito Andrea Zingale

    salve sono Vito volevo delle informazioni in merito al 80392DH 5x5x2 out mi è stato consigliato questo specifico per realizzare 4 prese TV-SAT con MYSKY HD ed una presa TV normale, alle due uscite mi è stato inserito un partitore per sdoppiare le due uscite ed alimentare così 4 prese demiscelate. Però il MY SKY HD non si vede cosa mi consigliate?

    Rispondi
    1. emmeesseblog Autore articolo

      Se abbiamo correttamente capito la domanda probabilmente sta sfruttando il msw in modalità SCR. Deve quindi impostare anche il decoder in modalità SCR impostando correttamente le porte fra le varie prese dal menù di impostazioni, in modo da evitare conflitti. Settando in modalità SCR per ogni uscita del multiswitch può ottenere fino a 4 porte SAT SCR, collegabili ad altrettanti tuner.

      Inoltre precisiamo che il multiswitch deve necessariamente essere alimentato dal connettore VL, come riportato su manuale incluso nella confezione.

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...